QUANTO INCIDONO LE ABITUDINI ALIMENTARI SUL RISCHIO DI SVILUPPARE UN TUMORE?

Un numero crescente di studi sta dimostrando l’importanza di una sana alimentazione nella prevenzione del cancro. 
Non è facile fare calcoli precisi, ma l’American Institute for Cancer Research ha calcolato che le cattive abitudini alimentari sono responsabili di circa tre tumori su dieci.

In alcuni casi ciò dipende dalla presenza in alcuni cibi di sostanze che favoriscono lo sviluppo della malattia:

– I nitriti e i nitrati utilizzati per la conservazione dei salumi, per esempio, facilitano la comparsa del tumore dello stomaco, tanto che in Italia questa malattia è più diffusa nelle regioni in cui il consumo di questi prodotti è maggiore

– Talvolta gli alimenti in sé non sarebbero dannosi, ma possono essere contaminati da sostanze liberate da determinate muffe nel mais o in altre granaglie e legumi mal conservati.
In alcuni Paesi in via di sviluppo queste sostanze sono responsabili di una quota rilevante di tumori del fegato

– Più in generale gli studi epidemiologici hanno dimostrato che un’alimentazione ricca di grassi e proteine animali favorisce la comparsa della malattia, mentre la preferenza per gli alimenti ricchi di fibre, vitamine e oligoelementi, come cereali integrali, legumi e verdure, sembra avere un effetto protettivo.

Ci sono ormai molte prove che una sana alimentazione vada adottata fin dalla più tenera età, ma non è mai troppo tardi per cambiarla e, secondo alcune ricerche, anche le persone alle quali è stato già diagnosticato il cancro possono trarre vantaggio da una dieta più sana.

Anche se non si può pensare di curare un tumore solo con l’alimentazione, è altrettanto vero che ciò che mangiamo incide tantissimo, tanto nella genesi, quanto nello sviluppo del Cancro (e di qualsiasi altra malattia).

Ovviamente non è l’unico elemento importante, bisogna tenere conto anche dello stile di vita, dell’inquinamento atmosferico, dello stress e di fattori emotivi di tipo traumatici (la morte di un famigliare, il tradimento del coniuge, ecc.).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *