LA MEDITAZIONE E I BAMBINI

La pratica della meditazione e della mindfulness può migliorare e accrescere i punti di forza presenti nei bambini, apportando, inoltre, giovamento a mente, corpo, cervello e spirito.

Tramite queste pratiche i bambini imparano tecniche efficaci che possono usare per attenuare la propria agitazione, per riuscire a concentrarsi quando ne hanno bisogno e più in generale per sentirsi a proprio agio e presenti nel mondo.

Essere genitori è un lavoro a tempo pieno incredibilmente stressante e difficile. Inoltre, si registrano numerosi casi di esaurimento tra gli insegnanti, i medici e gli altri operatori del settore socio-sanitario, in particolare tra loro che operano in ambienti impegnativi, con bambini con difficoltà emotive o fisiche.

Ecco perché è così importante che l’adulto pratichi e insegni la mindfulness.

La mindfulness può aiutare a ristabilire la compassione e la speranza che ci hanno spinto a diventare genitori o a lavorare con i bambini; può ripristinare, nutrire e sostenere il nostro idealismo.

Inoltre, è importantissimo praticare la meditazione che si insegna. I vostri figli e i bambini con cui lavorate riescono a percepire se le sfide della meditazione vi sono familiari. Quando meditate con i vostri bambini, scoprite insieme le sfide e le ricompense.

Quando iniziamo a praticare la meditazione, può capitare di pensare a tutte le altre cose che avremmo dovuto fare o che potremmo fare e ci sentiamo molto stressati. Quel che è necessario fare a questo punto è notare questo senso di colpa, o questa sensazione di stress e nervosismo, definirla dandole un nome, e semplicemente lasciare che passi.

Uno dei principali pregiudizi verso la meditazione, che si riflette nelle aspettative delle persone che per la prima volta si approcciano a questa pratica, è quello di credere che essa consista nel rimanersene tranquilli senza fare nulla. In realtà, invece, la meditazione è un percorso che ci porta a scoprire tutto quel che è presente sia dentro che fuori di noi, sia gli aspetti gradevoli che quelli sgradevoli.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *