LA PRIMAVERA SECONDO LA MEDICINA CINESE

Dopo la calma dell’inverno, ecco arrivare la primavera: spuntano i germogli, sbocciano i fiori, il sole scalda la Terra. 
Si percepisce un senso di novità, una nuova energia nella Natura. 
Ed anche in ogni Essere Umano.

La primavera è il reame dell’elemento Legno, la cui qualità è l’espansione. 
Come ogni albero ama crescere in ogni direzione e quando smette di farlo, avvizzisce e muore, così il Legno si espande in ogni direzione e soffre la stasi ed il blocco.

L’organo associato all’elemento legno è il Fegato: in primavera è sotto pressione, ma è anche protagonista indiscusso.

Il lavoro del Fegato è quello di mantenere in ordine la muscolatura e le articolazioni: ecco perché è consigliabile ricominciare a svolgere un’attività fisica, meglio se basata sul movimento consapevole.

Come il Fegato è responsabile della corretta tonicità ed attività muscolare, così è responsabile della tonicità mentale nella progettazione.

Ogni programma e nuova idea prende vita dalla natura espansiva del Fegato, che al contrario vive il suo disequilibrio nell’estremo controllo oppure nell’indecisione compulsiva.

Infatti nel Fegato giace anche lo spirito del Flusso e del Divenire, come quando si progetta e poi si lascia che la realizzazione avvenga.

Delle realizzazione e del suo flusso, in particolare, si occupa la colecisti: quest’ultima ed il Fegato sono la coppia nelle geografia imperiale che progettano e realizzano sogni, benessere e buona salute.

Lo stato equilibrato del Fegato si manifesta negli occhi: ecco perché la primavera è un ottimo momento per guardare meno televisione, osservando invece gli occhi delle persone cui vogliamo bene

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *