I DISEGNI DEI BAMBINI

Disegnare è, per il bambino, un momento di rilassamento emotivo. Intorno agli 11 mesi il piccolo inizia a tenere in mano le matite e a fare dei piccoli scarabocchi.

Nel giro di poco tempo tende a preferire una mano rispetto all’altra ed in questo è preferibile incoraggiarlo ad utilizzare la mano con cui si trova più a suo agio.

Il bambino esprime nel disegno il suo stato interiore, disegnando spesso aspetti della sua quotidianità e situazioni in l’esperienza personale entra nel disegno.

La teoria del disegno infantile ha una lunga tradizione che stabilisce, attraverso l’esperienza e lo studio continuo, diversi elementi di analisi.

I tre elementi fondamentali sono:

LO SPAZIO: indipendentemente da quanto sia grande il disegno, esso si esprime comunque in uno spazio dato e, a seconda di come il bambino distribuisce il disegno per dimensione e collocazione, ci dà indicazioni sul suo modo di esprimere la percezione e la collocazione del suo Io.

IL TRATTO: le linee di contorno e di colorazione possono rappresentare stati emotivi e mentali, consci e inconsci come, ad esempio, il rilassamento, la vitalità, un eventuale disagio, l’aggressività o la sensibilità del bambino.

I COLORI: i colori caldi come il rosso, giallo, arancione sono i preferiti dei bambini estroversi, istintivi e curiosi; quelli freddi come il blu, azzurro, viola, sono prediletti dai bambini timidi, razionali e introversi; un punto di equilibrio è il verde, che indica tranquillità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *