LA PRIMA FERITA: IL RIFIUTO

Un modo per RITROVARSI è iniziare a vedere le proprie ferite.

Il RIFIUTO é la prima ferita per un essere umano ed è molto profonda perché chi ne soffre si sente respinto in tutto il suo essere, nel suo diritto di esistere, in particolare, con il genitore dello stesso sesso.

È la prima ferita a manifestarsi in un individuo ed è presente molto precocemente, dal concepimento fino al primo anno di età.

La persona che si sente rifiutata spesso non è oggettiva perché interpreta gli eventi attraverso il filtro della ferita stessa e si può sentire respinta anche quando non lo è.

Appena il piccolo inizia a sentirsi respinto, inizia a costruire la maschera del FUGGITIVO che tende ad alimentare la propria ferita ogni volta che si denigra, che pensa di essere inutile nella vita altrui e che fugge via da una situazione.
Questa maschera porta a far credere alla persona di non essere abbastanza importante per prendere il proprio posto nel mondo.

Essere stati capaci di crearsi una maschera per non soffrire é stato un atto eroico, un atto di amore verso noi stessi, aiutandoci a sopravvivere e ad adattarci alle condizioni disagevoli.

Detto questo, nel momento in cui ci si rende conto che certe dinamiche non funzionano e che non ci portano a nulla se non a confermarci sempre un nostro disvalore, si può pensare di iniziare a RICONOSCERE queste ferite e ad ACCETTARLE, anche se questo comporta il non essere sempre d’accordo sul fatto stesso che queste ferite siano presenti.

L’importante è che finalmente stiamo dando il nome giusto alle cose, stiamo guardando nel posto giusto per poi arrivare a essere fieri di sé. 
È il primo passo per ritrovarsi.
Piano piano.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *