IL DOPPIO: IL RUOLO E LA MASCHERA FRA VERITÀ E FALSITÀ

La maschera indossata dagli attori del teatro antico era il mezzo che consentiva loro, di volta in volta, di interpretare diversi personaggi.


Ma anche ognuno di noi, non solo a carnevale, ma nella vita quotidiana indossa delle “maschere” coincidenti con i diversi ruoli sociali che va a ricoprire assumendo di conseguenza differenti schemi di comportamento.


Nel teatro greco la maschera se da un lato simboleggiava e caratterizzava il personaggio interpretato dall’attore, dall’altro fungeva da vera e propria “cassa di risonanza” della voce consentendogli di raggiungere con la recitazione il vasto pubblico che aveva di fronte.


Tutt’altro che una falsificazione o un nascondiglio, dunque, ma al contrario un mezzo per facilitare l’identificazione sia dell’attore che del pubblico stesso con le vicende dei personaggi.


Eppure è doveroso ricordare la maschera di pirandelliana memoria, simbolo della mistificazione alienante delle richieste della società moderna, dei ruoli spersonalizzanti che ognuno di noi sarebbe chiamato a ricoprire perdendo di vista sé stesso e la propria vera identità.


Anche la psicologia sociale mette risalto come, ricoprire un determinato ruolo sociale conforme a determinate attese comportamentali, alimenti ingenue e riduttive semplificazioni stereotipali del senso comune come quelle fra ruoli professionali e presunte caratteristiche di personalità.


Carl Gustav Jung, nelle sue formulazioni sui temi universali dell’inconscio collettivo, individuò in quella che chiamò “Persona” (nel senso etimologico di maschera) quel ruolo o copione che ognuno svolge in determinate circostanze per rispondere alle richieste del mondo esterno.


Un’eccessiva rigidità della Persona, e quindi della maschera, corrisponde ad un’eccessiva identificazione con essa a discapito di tutto ciò che non le si conforma relegato nella parte “Ombra” della personalità.


Adottare invece in maniera flessibile e non rigida una maschera per poter uscire e rientrare nei diversi ruoli sociali esprime coerenza e continuità del sé a garanzia di un senso di identità relativamente stabile che può sfruttare attitudini e capacità personali in accordo con le proprie ambizioni e i propri progetti.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su pinterest
Condividi su email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Disturbi alimentari

Disturbi alimentari

Cosa sono e quali sono le cause scatenanti I disturbi alimentari (DCA) consistono in modalità di assunzione di cibo che compromettono lo stato di salute

Leggi Tutto »

Newsletter

Iscriviti per ricevere aggiornamenti sulle ultime pubblicazioni.
Benessere, meditazione, salute e psicologia.